Salta al contenuto principale

Continuità assistenziale: cos'è e come viene messa in atto in Italia?

La continuità assistenziale è  il tema al centro dell'indagine condotta per Italia Longeva - Rete Nazionale di Ricerca sull'Invecchiamento e la Longevità Attiva -  da Davide Vetrano, geriatra dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e ricercatore al Karolinska Institutet di Stoccolma.

Per "Continuità assistenziale" si intende la costante comunicazione tra ospedale, comunità e domicilio, che permetta di prendersi cura dei pazienti fragili, indicando loro un percorso e non lasciandoli mai da soli.

La ricerca descrive 17 esperienze, le più virtuose, messe in campo dalle Aziende sanitare locali e ospedaliere in otto regioni italiane.

Diversi i temi affrontati, dalle dimissioni difficili ai modelli efficienti di organizzazione delle reti territoriali. Tutte esperienze regionali, perché la continuità assistenziale è in primis presenza sul territorio, attraverso l’organizzazione di una rete di servizi sociosanitari capillare, flessibile e facilmente accessibile, in grado di offrire un’assistenza personalizzata e multidisciplinare.

Per saperne di più, scarica l'indagine!

Indagine Italia Longeva 2019 - continuità assistenziale

PDF - 4.42 MB